LUNEDÌ 5 LUGLIO  2021, DALLE ORE 18:00

IN DIRETTA DALLA PAGINA FACEBOOK 

appuntamento con una nuova “Storia da Asporto”, il format online nato in seno al progetto “L’Amore è Amore”.

Esistono colori da maschi e da femmine, giochi per maschi e giochi per femmine, sogni possibili se sei maschio e altri se sei femmina. Gli stereotipi di genere, come questi, sono interiorizzati molto presto e influiscono sui comportamenti, sui pensieri, sulle aspettative, sulle scelte di bambine e bambine (oltre che del mondo adulto a loro intorno). È possibile un’educazione diversa, libera dagli stereotipi e che possa educare alla felicità?

Ne parliamo con Giorgia Vezzoli, scrittrice, poetessa, comunicatrice e autrice del libro per bambine e bambini “Mi piace Spiderman… e allora?” da cui quest’anno è stato tratto il cortometraggio omonimo diretto da Federico Micali.

Giorgia, inoltre, ha scritto altri libri che affrontano stereotipi e tabù come “Period Girl” Ed. Settenove, 2020 e “Ti amo in tutti i generi del mondo” Ed. Giraldi, 2016.

Fin da piccolə, si è portati a pensare che bambine e bambini si comportino in maniera diversa in base al sesso di appartenenza, senza considerare caratteristiche, talenti, aspirazioni personali che hanno più a che fare con la propria soggettività che con predisposizioni biologiche. Certo, gli stereotipi semplificano la realtà, ma non riflettono l’autenticità delle persone, sono piuttosto l’effetto (e insieme la causa) di impostazioni arbitrarie costruite dalla società di appartenenza.

Questo spiega come mai, fin da piccolə, maschi e femmine abbiano credenze diverse circa le proprie opportunità e la percezione di sé stessi. Il mondo adulto nutre aspettative differenti e vizia il percorso evolutivo di bambine e bambine con condizionamenti legati al genere.

Allora, cosa succede se a una bambina piace Spiderman e non le principesse?

Dialogheremo di questo con Giorgia Vezzoli, conosceremo la sua Cloe, protagonista del libro che vi presenteremo, e vi parleremo anche del nostro impegno per educare alla parità nelle scuole, del nostro lavoro coi più piccolə, con insegnati e famiglie.

Vi aspettiamo!

 

Pin It on Pinterest

Share This